Segni positivi di ripresa del processo di stabilizzazione della Libia

Il 10 ottobre ben otto ambasciatori europei, ma con loro anche quello tunisino, si sono portati da Tunisi a Tripoli per presentare le proprie credenziali autorità di Tripoli e riaprire le rispettive rappresentanze diplomatiche. Si tratta degli ambasciatori di Germania, Belgio, Danimarca, Norvegia, Polonia, Svezia e Finlandia, mentre quella ungherese è attiva da qualche settimana.

Nell’occasione le autorità di Tripoli hanno ringraziato l’Italia per essere stato l’unico paese a non chiudere la propria ambasciata, neppure nei momenti più difficili.